Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
Aghi profumati e digestivi
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Aggiunte alle carni e negli intingoli più pesanti per lo stomaco, le foglioline di rosmarino lo aiutano a lavorare meglio
Ne bastano poche foglioline per dare a qualsiasi pietanza il suo inconfondibile aroma, che si sposa in particolare con ogni tipo di carne e con gli arrosti, oltre a trasformare pane e focacce in specialità assai apprezzate.

Gli aghi del rosmarino, soprattutto se utilizzati freschi, rendono i cibi non solo più gustosi ma anche più digeribili, grazie alle proprietà di questa pianta sempreverde che non dovrebbe mai mancare sul balcone o in giardino.

In cucina c’è chi usa le profumate foglioline per aromatizzare olio e aceto, trasformandoli così nel condimento più appropriato per insalate rese deliziose e colorate dalla presenza dei piccoli fiori viola della pianta, che sbocciano praticamente tutto l’anno, a seconda della specie.

Sebbene la sua versatilità su qualsiasi pietanza basti da sola a giustificarne l’impiego, in realtà il rosmarino è anche una pianta officinale dalle proprietà curative.

Oltre a facilitare il compito dell’apparato digerente, soprattutto con cibi pesanti (non a caso lo si aggiunge abbondantemente su specialità come la porchetta), il rosmarino stimola la produzione della bile e ha un effetto carminativo (aiuta i movimenti peristaltici).

È utile anche per favorire la diuresi e la sudorazione, evitando ristagni idrici indesiderati e dannosi. Si rivela inoltre efficace per fluidificare la secrezione bronchiale e calmare l’apparato respiratorio in caso di asma e tosse.

In infuso o in decotto, utilizzato per impacchi, può agire contro i dolori reumatici. Grazie, poi, alle sue proprietà antisettiche, toniche e stimolanti, entra a pieno titolo in detergenti, creme, dentifrici e colluttori.


Cenni storici e curiosità
A sostegno delle virtù curative del rosmarino, si racconta che la regina Isabella d’Ungheria, ormai settantenne e piena d’acciacchi, nel 1370 abbia ritrovato salute e giovinezza grazie all’impiego di un’acqua quasi miracolosa che prende il suo nome, e che sarebbe molto semplicemente un distillato idroalcolico di rosmarino. L’effetto fu talmente efficace da spingere sovrani e regnanti a corteggiarla e a chiedere la sua mano. Non è certo se questa sia soltanto una leggenda creata ad arte, certo è che la ricchezza di oli essenziali del rosmarino ne fa una pianta con doti antiossidanti e conservanti.


La ricetta: Risotto alle erbe
Ingredienti (per 4 persone):
300 g di riso, 45 g di cipolla, 85 g di parmigiano, 1 spicchio d’aglio, 1/2 rametto di rosmarino, 4 foglie di salvia, 1 rametto di timo fresco, 1/2 bicchiere di vino bianco secco, 1 pezzetto di burro, 4 cucchiai d’olio d’oliva, brodo vegetale.


Preparazione:
Tritare la cipolla, l’aglio, il rosmarino, la salvia, il timo e farli soffriggere nell’olio d’oliva. Aggiungere il riso, tostare e sfumare con il vino bianco. Versare il brodo vegetale a poco a poco, sempre mescolando, per 15-16 minuti. Spegnere il fuoco, aggiungere il burro e il parmigiano grattugiato e lasciare riposare per 2 minuti coperto, quindi servire.
cerca
 

Viaggi

HOTEL MENARDI 3*
da 85 Euro
RESIDENCE BORGO VERDE
da 39 Euro
RESIDENCE ALASKA 2*
da 39 Euro
HOTEL RESORT VERONZA 3*
da 69 Euro
 

Convenzioni

B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
   
registrati su naturale club