Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
Grano di nome ma non nella sostanza
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Pur non essendo un cereale, il grano saraceno presenta tante virtù: dall’assenza di glutine alla ricchezza di proteine
A dispetto del nome il grano saraceno non ha parentela alcuna con il frumento e non è neppure un cereale. L’equivoco ha però un certo fondamento culinario, visto che in Cina, sua terra d’origine, gli acheni triangolari (ovvero i semi) di questa pianta da fiore vengono macinati e utilizzati per fare il pane.

Anche da noi la farina di grano saraceno è ormai diffusa e facile da trovare, addirittura ingrediente fondamentale nella tradizione gastronomica di alcune zone, come la Valtellina e le vallate bergamasche, dove la polenta taragna (con farina di mais e di grano saraceno miscelate) è piatto “nazionale” irrinunciabile. Senza dimenticare i celebri pizzoccheri valtellinesi, cioè le tipiche tagliatelle scure impastate con farina di grano saraceno e di frumento, la cui ricetta è protetta da un’Accademia di cultori con sede a Teglio, in provincia di Sondrio.

Sebbene non sia un cereale, questo “grano” ha una serie di caratteristiche interessanti dal punto di vista nutrizionale, che, in qualche caso, lo rendono adatto a prendere il posto dei cereali “veri” nel piatto.

Innanzitutto il grano saraceno è totalmente privo di glutine, sostanza proteica caratteristica dei cereali che è assolutamente vietata a chi soffre di celiachia.

Se ci troviamo a dover convivere con un’intolleranza più o meno grave al glutine, possiamo quindi ricorrere senza preoccupazioni a tutti i prodotti preparati utilizzando solo con il “grano” scuro.

Ci sono vantaggi interessanti anche per tutti gli altri: il grano saraceno può infatti vantare proteine ad alto valore biologico, che contengono tutti gli otto aminoacidi essenziali (così detti perché il nostro organismo non è in grado di produrli), laddove i cereali sono invece carenti di lisina, presente in dosi elevate anche nei legumi, nella carne e nel pesce.

L’alto valore proteico, vicino a quello della soia, rende il grano saraceno un alimento nutriente, consigliato in caso di deperimento fisico. Inoltre, nel grano saraceno, è discreta anche la presenza di minerali, quali calcio, fosforo, potassio, magnesio, zinco, manganese e ferro. Non mancano alcune vitamine del gruppo B e la vitamina E.


Cenni storici e curiosità

Il grano saraceno è una pianta che cresce spontanea in Siberia e in Manciuria, vaste aree asiatiche. La coltura si è propagata in Cina nel X secolo e poi in Occidente, durante il Medioevo. Secondo alcune ipotesi, la sua diffusione in Europa sarebbe avvenuta attraverso i Turchi, che avrebbero introdotto la pianta in Grecia e nella penisola balcanica, diventando responsabili del nome con cui oggi indichiamo questo alimento: grano dei turchi o dei saraceni.

La ricetta: Torta ladina di grano saraceno
Ingredienti:

250 g di farina di grano saraceno, 250 g di zucchero, 250 g di mandorle pelate e macinate, 6 uova, 250 g di burro, 1 bustina di zucchero vanigliato, 400 g di marmellata di mirtillo rosso, zucchero a velo per la copertura, panna montata per l’accompagnamento (facoltativa)

Preparazione:
Montare il burro con 150 g di zucchero e i tuorli delle uova, lasciando da parte gli albumi. Aggiungere la farina, le mandorle e lo zucchero vanigliato e mescolare il tutto. Montare gli albumi a neve semifissa, aggiungere lo zucchero rimasto e continuare a montare, finché la massa sarà molto fissa. Aggiungerla con cautela all’impasto, versare poi la massa in una teglia dal cerchio apribile, già imburrata e infarinata, e infornare a 180 gradi per circa un’ora. Per verificare la cottura, fare una prova con uno stuzzicadenti di legno: bucare la torta ed estrarlo, quando risulterà asciutto e senza residui togliere dal forno. Quindi, lasciare raffreddare il dolce e tagliarlo orizzontalmente in due parti. Questa operazione riuscirà molto bene utilizzando un filo che si passerà attorno alla torta e si stringerà, finche l’avrà attraversata tutta. Farcire l’interno del dolce con uno strato uniforme di marmellata di mirtilli rossi, riposizionare lo strato superiore e cospargere di zucchero a velo. Servire a piacere con panna montata.
cerca
 

Viaggi

RESIDENCE BORGO VERDE
da 39 Euro
PUGNOCHIUSO RESORT - HOTEL DEL FARO 4*
da 439 Euro
POGGIO ALL' AGNELLO RESORT 3*
da 49 Euro
TOUR DELLE ISOLE EOLIE 4*
da 769 Euro
 

Convenzioni

Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
   
registrati su naturale club