Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
Profumo di menta
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Aggiungendone le foglie nel piatto oppure “bevendola” in decotti e infusi, possiamo usufruire delle sue doti digestive e rinfrescanti
Diciamo menta pensando a un profumo ben preciso, intenso e dolce, ma in realtà le tipologie di questa pianta aromatica sono più d’una. Oltre alla menta piperita, tra le più utilizzate e conosciute, possiamo elencare la mentuccia, la menta romana, la menta acquatica, la menta longifolia. E la lista di varietà potrebbe continuare.

La menta che usiamo in cucina e che coltiviamo più frequentemente in vaso è appunto la piperita, un ibrido orticolo ottenuto dall’incrocio tra Mentha aquatica L. e Mentha spicata L.

Si tratta di una pianta robustissima che cresce rigogliosa adattandosi alle posizioni in pieno sole così come alla mezz’ombra, e che resiste anche alle basse temperature. Coltivarla per avere la propria scorta personale è dunque alla portata di tutti, anche di chi non ha il cosiddetto pollice verde.

Poterla cogliere sul balcone o nel giardino di casa ci permetterà di attingere quotidianamente alle sue doti aromatiche e curative, aggiungendola senza limitazioni in zuppe, salse, piatti a base di carne, specialmente di agnello, oppure utilizzandola per preparare liquori, sciroppi e caramelle rinfrescanti per l’alito, capaci persino di lenire il mal di gola.

La menta è molto usata anche per aromatizzare alcune varietà di tè, come il tipico tè verde magrebino, ma trova impiego anche in medicina, grazie alle sue virtù digestive, stimolanti delle funzioni gastriche, antisettiche e antispasmodiche, oltre che tonificanti. Per usufruirne, la via più semplice passa attraverso la preparazione di decotti e infusi.


Cenni Storici e curiosità
Molto conosciuta già al tempo degli Egizi e dei Romani, la menta veniva usata da Galeno come pianta medicinale. Secondo la leggenda, il suo nome deriva dalla ninfa Minthe o Myntha, amata da Plutone, che venne trasformata in pianta da Proserpina.

La ricetta: Frittata alla menta
Ingredienti per 4 persone:
10 foglie di menta fresca, 6 uova, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 cucchiaio di pane grattugiato, 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale e pepe.
Preparazione:
Lavare e asciugare la menta e il prezzemolo e tritarli grossolanamente. In una terrina sbattere le uova insieme al pane grattugiato e con un pizzico di sale e pepe. Unire quindi la menta e il prezzemolo e lasciare riposare qualche minuto. Nel frattempo scaldare l’olio in una padella, quando è ben caldo versare il composto e lasciarlo cuocere da una parte e dall’altra. Questa frittata è ottima anche fredda.
cerca
 

Viaggi

RESIDENCE BORGO VERDE
da 39 Euro
HOTEL LE VILLAGE CAMARGUAIS 3*
da 479 Euro
AGRITURISMO DEI GRIPPI
da 89 Euro
HOTEL IL PATRIARCA 4*
da 145 Euro
 

Convenzioni

B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
   
registrati su naturale club