Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
La freschezza del cetriolo che depura
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Molto ricco d’acqua, è ideale quando l’afa diventa più pressante, anche grazie a una buona dote di sali minerali
Lo direbbero in pochi, ma il rinfrescante cetriolo dal cuore chiaro e trasparente appartiene alla stessa famiglia della vivace zucca e del melone, sebbene sotto la sua buccia consistente, liscia o verrucosa, si nasconda una polpa pressoché incolore, ben lontana dalle tonalità arancioni dei suoi stretti parenti. Come loro, però, presenta una particolare ricchezza di acqua (che raggiunge il 95 per cento del totale nei cetrioli freschi), vitamine e sali minerali.

La sua composizione ne fa un ortaggio rinfrescante e depurativo, utile ad aiutare l’organismo soprattutto durante i mesi afosi del periodo estivo, quando la necessità di idratazione del nostro corpo diventa più pressante. E quando il caldo si fa più sentire, è ancora più apprezzabile poter approfittare della sua dote di vitamine B1 e B6, a cui si aggiungono magnesio, fosforo, potassio, rame e manganese.

Nella buccia esterna, che solitamente non consumiamo, si concentra inoltre una rilevante quantità di vitamina C e di vitamina K, a cui possiamo attingere se decidiamo di mangiare il cetriolo tutto intero, magari dopo una leggera cottura, volendolo utilizzare come una “medicina” per contrastare intossicazioni e irritazioni intestinali, e persino calcolosi e coliche.

Purché, al momento dell’acquisto, scegliamo i cetrioli con buccia lucida e ben tesa, non raggrinzita, indice di freschezza, una caratteristica che viene evidenziata anche dalle due estremità sode e non mollicce. Anche la grandezza del frutto è un buon criterio per valutare la qualità del prodotto: cetrioli troppo piccoli o troppo grandi possono infatti essere rispettivamente indice di scarsa ed eccessiva maturazione. I frutti di dimensione maggiore sono inoltre più ricchi di semi.

Cenni storici e curiosità
Originario delle Indie orientali, il cetriolo è stato coltivato sin dall’antichità a scopo alimentare ma già nel Cinquecento erano note anche le sue doti cosmetiche. Il medico e umanista italiano Pietro Andrea Mattioli, infatti, ne raccomandava i semi e il succo per “far bella la pelle”. Ancora oggi, l’impiego della polpa è consigliato per ammorbidire la cute, a cui conferisce una maggiore elasticità, e per idratare le pelli secche, mentre il succo è consigliato dopo l’esposizione al sole.

La ricetta: Cetrioli alla turca
Ingredienti per 4 persone:

3 cetrioli, 2 cucchiai di yogurt intero, 1 cucchiaio di aceto di vino, 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale, pepe macinato.
Preparazione:
Sbucciare i cetrioli e tagliarli a fettine sottilissime con l’utensile per le patate chips, metterli in uno scolapasta, salarli e lasciarli a perdere acqua per un'ora. Asciugarli bene, quindi condirli con il pepe, lo yogurt, l’aceto e l’olio.
cerca
 

Viaggi

HOTEL ALPINE MUGON 4*
da 139 Euro
HOTEL ADLER FAMILY & WELLNESS 4*
da 99 Euro
HOTEL MENARDI 3*
da 85 Euro
HOTEL MARINETTA 4*
da 185 Euro
 

Convenzioni

Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
   
registrati su naturale club