Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Sponsor del mese
Kiwi: piů vitamina C degli agrumi e minerali antistress
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Mangiare un kiwi è come fare un’iniezione di preziosa vitamina C, in quantità sufficiente a coprire il nostro fabbisogno giornaliero.
Mangiare un kiwi è come fare un’iniezione di preziosa vitamina C, in quantità sufficiente a coprire il nostro fabbisogno giornaliero. Un frutto ne possiede infatti una quantità elevata, superiore a quella che possiamo ricevere da “campioni” come limone, arancia e peperone. Dunque, con un’operazione semplice e gradevole per il palato, l’organismo rafforza le sue difese immunitarie e diventa più resistente a raffreddore e influenza.

Ma non è finita qui, perché l’acido ascorbico vanta tutta una serie di virtù salutari, dalla capacità di combattere l’anemia dando una mano anche a chi segue una dieta vegetariana, fino alla generale azione antiossidante (e antinvecchiamento cellulare) che esercita proteggendo il corpo dagli effetti dei radicali liberi. Inoltre, aiuta a espellere il colesterolo dall’organismo, trasformandolo in sali biliari.

Gli sportivi, afflitti dai crampi muscolari conseguenti a sforzi prolungati, possono contare sulla ricchezza di potassio, calcio e fosforo che caratterizza il kiwi e che ha un benefico effetto anche sulle difficoltà digestive, oltre a essere rinfrescante e dissentante: l’ideale, insomma, dopo l’allenamento e l’intensa attività fisica. Senza contare che gli stessi sali minerali contribuiscono a proteggere le ossa dall’osteoporosi. Il kiwi, del resto, vanta un elevato contenuto di minerali come magnesio e ferro, che lo rendono un vero e proprio tonico contro lo stress. Il magnesio, in particolare, favorisce la concentrazione e la produzione energetica del cervello, nonché la forza muscolare.

Cenni storici e curiosità

La storia del kiwi nasce in Cina, dove esistono oltre 400 varietà di questo frutto, che veniva considerato una delicatezza alla corte asiatica del Gran Khan (tra 1200 e 1300). In Europa giunse solo fra Ottocento e Novecento, grazie a un membro della Royal Horticultural Society of Britain, mentre in Nuova Zelanda approdò in tempi ancora più recenti, nel 1906, col nome di “Uva Spina Cinese” (Chinese Gooseberry). Proprio qui iniziò la sua produzione su larga scala che spinse le prime esportazioni, risalenti al 1962, verso gli Stati Uniti. E fu negli States che nacque il termine kiwifruit, ispirato dal nome del tipico uccello neozelandese.

La ricetta: spiedini di prosciutto e kiwi

Ingredienti per 4 persone:
4 fette di prosciutto cotto (alte 1/2 cm), 4 Kiwi, 8 ciliegine da cocktail

Preparazione:
Tagliare a dadini il prosciutto e i kiwi. Suddividere la dadolata in modo che basti per otto spiedini e su questi infilare, alternandoli, cubetti di prosciutto e di kiwi. Finire con una ciliegina. Disporre su un piatto di portata e servire.
cerca
 

Viaggi

HOTEL ALPINE MUGON 4*
da 139 Euro
RESIDENCE BORGO VERDE
da 39 Euro
LE CORTI DI MONTEPITTI 3*
da 59 Euro
HELVETIA 3*
da 109 Euro
 

Convenzioni

Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
   
registrati su naturale club