Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
torna su NaturaleClub
Diete e benessere
Diete
vai Beauty
vai Benessere
I dolcificanti Ipocalorici  
Diete

I dolcificanti Ipocalorici

Insieme alla nostra Dott.ssa Sabrina Oggioni andiamo alla scoperta dei dolcificanti ipocalorici...
segue (...)
Diete
I dolcificanti Ipocalorici
Insieme alla nostra Dott.ssa Sabrina Oggioni andiamo alla scoperta dei dolcificanti ipocalorici...
Si può mangiare “dolce” senza per questo far salire troppo le calorie e quindi, alla fine, il nostro peso? La scorciatoia esiste e va sotto il nome di dolcificanti ipocalorici che contribuiscono, come sempre insieme a un’alimentazione equilibrata abbinata a una costante attività fisica, a ridurre la densità energetica della nostra dieta quotidiana.
Ne abbiamo parlato con Sabrina Oggionni, dietista di Humanitas Gavazzeni.
 
Dottoressa Oggionni, innanzitutto, cosa sono i dolcificanti ipocalorici?
Gli edulcoranti, più comunemente chiamati dolcificanti, sono sostanze di sintesi o naturali che danno il senso di dolce e sono utilizzati da oltre un secolo in tutto il mondo.
La maggior parte ha la caratteristica di dolcificare molto più di quanto faccia lo zucchero (il saccarosio): quelli di sintesi hanno un potere edulcorante che può andare da 50 fino ad anche 8000 volte quello del saccarosio, mentre quelli di origine naturale hanno un potere calorico e dolcificante inferiore o analogo al saccarosio e, quindi, richiedono dosi più voluminose per dare un buon effetto rispetto a quelli di sintesi.
Il loro contenuto di calorie non è sempre pari a 0 ma, spesso, il vantaggio è che sono sufficienti dosi ridotte per ottenere l’effetto “dolce”.
 
Quali sono i principali dolcificanti ipocalorici?
La saccarina, l’aspartame, l’acesulfame K, sucralosio fino agli ultimi stevia e neotame a cui si possono aggiungere anche i polioli come il maltitolo, sortitolo, xilitolo che vengono utilizzato per gomme da masticare grazie al loro effetto rinfrescante, per i dessert e i dolciumi.    
 
Perché aiutano a far perdere peso?
Diversi studi dicono che gli alimenti ipocalorici aiutano le persone a tenere sotto controllo il proprio peso e che la sostituzione dello zucchero con gli edulcoranti nelle bevande abbia un ritorno positivo sull’indice di massa corporea. Possono però risultare, al contrario, motivo di aumento di peso se vengono utilizzati come “scusa” per poter giustificare l’aumento di introito energetico con altri cibi e bevande. E’ ovvio che da soli possono fare davvero poco: devono essere visti come supporto all’interno di un regime alimentare corretto e uno stile di vita fisicamente attivo.
 
Spesso si sente dire che i dolcificanti fanno male. E’ vero?
Si è parlato di possibili correlazioni con i tumori soprattutto per la saccarina e l’aspartame, ma non esistono ad oggi comprovati studi scientifici che lo dimostrino. Per i dolcificanti sono state stabilite delle DGA – dose giornaliera accettabile -  molto al di sopra delle dosi medie consumate. 
Conosci gli esperti di Humanitas ›
   
registrati su naturale club