Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
torna su NaturaleClub
Diete e benessere
Diete
vai Beauty
vai Benessere
Il Pesce, da gustare in tavola  
Diete

Il Pesce, da gustare in tavola

E’ sano, contiene grassi buoni e non sempre è così costoso o difficile da cucinare come si sente dire in giro.
segue (...)
Diete
Il Pesce, da gustare in tavola
E’ sano, contiene grassi buoni e non sempre è così costoso o difficile da cucinare come si sente dire in giro.
Parliamo del pesce, elemento fondamentale della nostra dieta che, d’estate, è ancor più facile da gustare e proporre in tavola.
Ne abbiamo parlato con Sabrina Oggionni, dietista di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Perchè mangiare pesce fa bene?


Il pesce è un elemento fondamentale per la dieta perché contiene i cosiddetti grassi “buoni”, gli Omega 3, acidi grassi polinsaturi protettivi per l’apparato cardiovascolare che il nostro organismo non è in grado di produrre e deve quindi assumere con la dieta, oltre ad essere un’ottima fonte di proteine nobili, sali minerali come fosforo e iodio e vitamine come la D.

Quali sono i pesci più ricchi di Omega 3?


I pesci più ricchi di Omega 3 sono il salmone, lo sgombro, le sardine, le alici, le aringhe, il tonno e il pesce spada.

C’è differenza tra pesce fresco o surgelato? Quello surgelato perde gli Omega 3?

Il surgelato preserva le caratteristiche organolettiche rappresentando una buona alternativa al pesce fresco.

Come è meglio cuocere il pesce?

Posto che è bene alternare il consumo delle diverse qualità di pesce, il consiglio perché mantenga le sue proprietà benefiche è di cucinarlo al forno, a vapore, alla griglia o in umido.

Per quando riguarda la frittura invece, ce la si può concedere solo saltuariamente, cercando di fare attenzione ad utilizzare l’olio una sola volta e a prediligere quello di oliva o di semi di arachidi.

I pesci in scatola sono nutrienti quanto quelli freschi?

E’ sempre meglio scegliere il pesce fresco perché quello conservato sotto’olio è più calorico, oppure, può essere più ricco di sale ma i valori nutrizionali quali proteine e acidi grassi omega 3 sono pressoché gli stessi.

Quindi il nostro pesce azzurro, il pesce povero dei nostri mari,va assolutamente da considerare nella nostra spesa.

Certamente, quando parliamo di pesce non ci riferiamo solo a orate, pesce spada o molluschi. Anzi, visto l’importante concentrazione di Omega 3, il pesce azzurro fa bene più di altre specie. Bisogna abituarsi a conoscerlo, saperlo acquistare e cucinare.

Posto che il pesce contiene grassi buoni, esistono comunque pesci più magri?

Certo che sì. Possiamo annoverare tra i pesci magri il merluzzo, il nasello, il rombo, il palombo, il pagello, il polpo, la seppia, la sogliola, la cernia e il calamaro.

Anche i pesci hanno una loro stagione, come frutta e verdura?

Anche per quanto riguarda il pesce, esattamente come per frutta e verdura, esistono periodi in cui questo alimento è più gustoso e ricco di sostanze nutritive.

Giugno, ad esempio, è il mese di cefalo, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardine sogliola, spigola, tonno, triglia mentre luglio è il mese di acciughe, cefalo, dentice, nasello, orata, pesce spada, sardine, sgombro, sogliola, spigola, triglia.
Conosci gli esperti di Humanitas ›
   
registrati su naturale club