Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
torna su NaturaleClub
Diete e benessere
Diete
vai Beauty
vai Benessere
Semi, un concentrato di salute  
Diete

Semi, un concentrato di salute

Hanno molteplici proprietà nutrizionali ed hanno anche effetti salutari
segue (...)
Diete
Semi, un concentrato di salute
Hanno molteplici proprietà nutrizionali ed hanno anche effetti salutari
Sono piccoli se non addirittura piccolissimi, e sono concentrati straordinari di grassi buoni come gli acidi grassi Omega 3 e 6, oltre che di vitamine, sali minerali e fibre. Si possono aggiungere alle insalate, negli impasti di pane e dolci o nello yogurt, ma possono essere anche mangiati in una formula mix, in sacchetti o bicchierini, o compattati in barrette come alternativa di snack.
Parliamo dei semi che piano piano si affacciano sulle nostre tavole e che sono invece già da qualche tempo utilizzati nelle diete alimentari vegetariane e vegane.
Ne parliamo con la dottoressa Sabrina Oggionni, dietista di Humanitas Gavazzeni. 
 
Dottoressa Oggionni, dobbiamo imparare a introdurre i semi nella nostra dieta alimentare?
Direi che è una buona abitudine. Hanno molteplici proprietà nutrizionali ed hanno anche effetti salutari, in particolare per la protezione cardiovascolare, e possono anche aiutarci a ridurre il sale dando più sapore alle nostre insalate. Ottimi quindi nelle insalate ed alcuni nelle macedonie di frutta, oppure da aggiungere allo yogurt o al porridge. Considerando che dalla maggior parte di questi semi se ne ricava l’olio, ricordiamoci di non abusarne se vogliamo controllare l’introito di calorie.
 
Tra quelli disponibili in commercio, anche nella grande distribuzione, quali sono da mettere nel cartello?
L’ideale è fare un bel mix.
 
Di seguito una veloce carta di identità dei semi più diffusi
Semi di sesamo
I semi di sesamo contengono proteine (18%), carboidrati (10%) e grassi (50%) ma per la maggior parte insaturi come Omega 3 e 6; rispetto agli altri semi è più ricco in calcio. Macinati con il sale formano il gomasio, utile sostituto del puro sale che permette di ridurre l’introito di sodio.
Semi di girasole
Anche i semi di girasole (bianchi, neri e striati) sono ricchi di grassi insaturi e come quelli di sesamo superano le 500Kcal per 100 grammi ma, solitamente, se ne consumano piccole quantità (1-2 cucchiai per un’insalatina mista); sono una buona fonte di minerali come magnesio, ferro, zinco, potassio e fosforo e vitamina E.
Semi di zucca
I semi di zucca sono ricchi di minerali e hanno una buona dosa di grassi insaturi.
Semi di papavero, semi di chia e semi di lino
Ci sono anche altri semi come quelli di papavero (usati spesso come ornamento nel pane), o quelli di chia che, come i semi di lino, sono particolarmente ricchi di fibre e meno calorici avendo una percentuale di grassi intorno al 30%. I semi di lino sono particolarmente ricchi di fibre (circa il 40%) utili in caso di stitichezza.
Conosci gli esperti di Humanitas ›
   
registrati su naturale club