Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Coppia, tris e poker d'assi
Nutrizione
Scelte alimentari
Coppia, tris e poker d'assi
Una linea di Frullati Bio per fare il pieno di fibre solubili, antiossidanti e sali minerali riscoprendo il piacere della frutta in originali e salutari abbinamenti
Sponsor del mese
 
Coppia, tris e poker d'assi
 
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

La frutta fa bene e lo sanno tutti. Ma questo non significa che piaccia proprio a tutti, nonostante l’invito dell’Organizzazione mondiale della sanità (www.who.int) a consumare cinque porzioni “verdi” al giorno, avendo però l’accortezza di ricorrere a ognuno dei cinque colori in cui viene suddivisa l’ortofrutta, in base alle sostanze salutari che contiene. Senza entrare nei dettagli delle innumerevoli doti curative di ogni frutto, uno dei motivi per cui vale la pena di non rinunciare mai alle citate cinque porzioni consigliate dai nutrizionisti è la loro ricchezza in fibre, anche in termini qualitativi. Perché non tutte le fibre sono uguali e non si limitano ad esercitare solo un’azione, per quanto assai benefica, di regolarizzazione delle funzioni intestinali.

Esistono infatti due tipi di fibre, solubili e insolubili, entrambe non digeribili e quindi non assorbite dall’organismo. Ma se le insolubili si limitano a transitare attraverso l’intestino senza subire sostanziali modificazioni, quelle solubili, entrando in contatto con i liquidi che incontrano nell’apparato digerente, formano una sorta di gel dalle molteplici funzioni, tutte salutari. Oltre ad avere quel benefico e innegabile effetto sul funzionamento dell’intestino, da non sottovalutare, altrettanto importante è la loro capacità di ridurre l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri, che vengono in un certo senso “intrappolati” nel reticolo creato dal gel e in parte eliminati.

Una dieta ricca di fibre, dunque, è un primo intervento preventivo e protettivo nei confronti delle patologie cardiovascolari e del diabete, grazie al conseguente controllo della concentrazione di colesterolo LDL nel sangue e al contenimento della glicemia.

Tra le fibre solubili, di cui la frutta è benefica dispensatrice, la pectina è la più importante. Per alcuni, abituati a leggere con attenzione le etichette, il suo nome non sarà nuovo, visto che si tratta di un addensante naturale quasi sempre presente in marmellate e confetture, soprattutto in quelle a base di frutti che ne contengono una concentrazione minore una volta giunti a maturazione (infatti, è più consistente nei frutti acerbi).

Particolarmente ricca di pectina è la mela, che nella buccia ne presenta una concentrazione davvero elevata. Altra fonte importante di questa sostanza è la pellicina bianca che si trova negli agrumi, sotto la buccia, e questo spiega perché i nutrizionisti consigliano di mangiare i frutti interi, buccia inclusa, piuttosto che ricorrere ai succhi, assai più poveri di fibra. Senza contare che spesso la buccia è la miniera più ricca di vitamine e di pigmenti colorati, ovvero i cosiddetti fitochemical, che fanno della frutta (e della verdura) piccoli scrigni di antiossidanti preziosi. Nella mela, per esempio, la Vitamina B e C si trovano in maggior concentrazione nella buccia.

E quando c’è Vitamina C si trovano anche i bioflavonoidi, che ne favoriscono l’assorbimento. Sono detti anche Vitamina P o polifenoli ma forse il modo più semplice ed efficace per definirli è antiossidanti ad azione antiradicalica: si oppongono, nella frutta (e poi nel nostro corpo), a tutti gli attacchi della luce e dell’ossigeno nei confronti delle cellule e sono particolarmente forti laddove il colore è scuro, quasi nero. È il caso di mirtilli, more, ribes e frutti di bosco, ma anche uva rossa, albicocche e bacche di rosa canina. Queste ultime, poi, si distinguono per un’incredibile ricchezza di Vitamina C, anche 50 volte superiore a quella di limoni e arance, così come di pectine e di carotenoidi. A dire il vero, il betacarotene, precursore della Vitamina A (detto infatti provitamina A), è presente in dose importante anche nelle albicocche (come denuncia il colore di buccia e polpa dei dolci frutti).

A questo punto l’invito a consumare tanta frutta dovrebbe apparire anche agli scettici come una necessità. Per renderla più gradevole, mantenendo efficaci tutte le virtù appena descritte, Iper ha pensato a una serie di frullati costituiti al cento per cento da polpa e succo di frutta, senza zucchero aggiunto (ad esclusione di quello naturalmente presente nella frutta), senza coloranti né conservanti. I Frullati Iper inaugurano una linea Bio (certificata da Icea) che rientra nel progetto “Inaturale”, il patto che “Iper, La grande i” ha scelto di stringere con l’ambiente e col consumatore.

Per i frullati bio, proposti in bottiglietta di vetro da 200 ml (che corrispondono a una porzione variabile tra 84 e 130 Kcal, chiaramente segnalate in etichetta), Iper ha scelto di ricorrere ad abbinamenti di frutta ricca proprio di pectina e di antiossidanti benefici. Il Frullato ai Mirtilli neri e Sambuco, col suo colore blu-viola, denuncia il ricchissimo corredo antiossidante fatto di bioflavonoidi, di Vitamina C con un’importante quantità di tannini (astringenti e diuretici). Il tris di Frutti di bosco e Rosa canina, nel quale dominano more e ribes rosso, rafforza la dose di vitamina C (a cui si aggiunge la E della mora) con il più basso apporto calorico della gamma di quattro gusti proposti. Nel Frullato all’Albicocca e Mela (con un’aggiunta di succo d’uva), si fa il pieno di betacarotene e pectina insieme a una dotazione extra di potassio, che caratterizza mela e soprattutto albicocca, oltre a sali minerali. Anche nell’accoppiata di Pera e Banana, entrambe pure ricche di potassio, il minerale (indispensabile per il sistema cardiovascolare) particolarmente amato dagli sportivi rende il frullato adatto a restituire i sali persi dopo uno sforzo intenso.

In tutti i Frullati Bio c’è una presenza costante: polpa e succo di una mela del Trentino (mezza nel caso di quello alla Pera e Banana) che assolve a due compiti di rilievo: dare al mix dolcezza e una consistenza adeguata, certo, ma soprattutto contribuire alla dose di pectina e quindi di fibra solubile che l’organismo si merita. Ogni giorno.

La redazione di iNaturale
vedi tutti
cerca
 

Viaggi

HOTEL ADLER FAMILY & WELLNESS 4*
da 99 Euro
LE CORTI DI MONTEPITTI 3*
da 59 Euro
AGRITURISMO DEI GRIPPI
da 101 Euro
HOTEL CARAVEL 4*
da 45 Euro
 

Convenzioni

Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
   
registrati su naturale club