Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Materiali ecocompatibili ricavati da rifiuti ed eccedenze alimentari
Natura
Ecologia
Materiali ecocompatibili ricavati da rifiuti ed eccedenze alimentari
Per essere davvero ecosostenbili bisogna mettere in moto la creatività e attivarsi per escogitare soluzioni non convenzionali: ad esempio, sostituendo i materiali inquinanti con materie prime alternative ed ecologiche.
Sponsor del mese
 
Materiali ecocompatibili ricavati da rifiuti ed eccedenze alimentari
 
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Per essere davvero ecosostenbili bisogna mettere in moto la creatività e attivarsi per escogitare soluzioni non convenzionali: ad esempio, sostituendo i materiali inquinanti con materie prime alternative ed ecologiche. È il caso di intuizioni quali il carburante ottenuto dal cacao, la carta e la pelle realizzate a partire dagli scarti di mela, i tessuti a base di soia o di latte, le plastiche ottenute dal pomodoro o dal mais. Insomma, esistono tanti modi per convertire in oggetti, sostanze e materiali utili gli scarti e le eccedenze alimentari che la nostra società produce quotidianamente. Qui di seguito vi presentiamo una piccola parte delle soluzioni oggi disponibili: si tratta di un mercato in crescita, grazie all’intraprendenza di inventori, ricercatori e aziende.

Carburante dalla cioccolata

L’azienda inglese Ecotec, leader nell’ambito del biodiesel, ha sperimentato non soltanto il riciclo dell’olio di cottura degli alimenti, ma anche la produzione di carburante a partire dagli scarti del cioccolato. L’efficacia del carburante così ottenuto - che ha il merito di essere alternativo, ecologico e a basso costo - è stata messa alla prova nel 2007 dalla spedizione BioTruck Drive to Timbuktu: un viaggio dal Regno Unito al Mali, attraversando il deserto del Sahara, organizzata dal giornalista italo-inglese Andy Pag.

In quell’occasione, Pag e il suo compagno di avventura, John Grimshaw, hanno percorso ben 7200 km su una jeep alimentata dall’equivalente di 80000 tavolette di cioccolato. La spedizione, che aveva l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della riduzione delle emissioni di CO2, è stata seguita dagli organi di informazione britannici e ha avuto un discreto successo, tanto da spingere Pag a replicare, nel 2009, con Bio Truck II, un vero e proprio giro del mondo della durata di 12 mesi, che si è però concluso anzitempo, in India, a causa di uno spiacevolissimo equivoco (Pag è stato infatti arrestato come sospetto terrorista dalle autorità indiane lo scorso gennaio per aver utilizzato un telefono satellitare ed è stato rilasciato solo dopo aver versato una costosa cauzione).

Cartamela e pellemela

Tornando ad intuizioni promettenti ed ecosostenibili, l’ingegnere e inventore altoatesino Alberto Volcan ha puntato sugli scarti di mela, un prodotto di cui la sua terra è particolarmente ricca. Raccogliendo e trattando i residui della produzione di succhi di frutta, il cui smaltimento risulta particolarmente costoso, dato che sono classificati come “rifiuto speciale”, si possono infatti realizzare una carta e una pelle ecologiche e a basso costo, la cartamela e la pellemela. Volcan ha brevettato un particolare processo di essiccazione che consente di preservare la quantità di cellulosa presente negli scarti di mela, ottenendo una duttile farina bianca, da cui è possibile ricavare anche una colla ad alta tenuta. Negli ultimi anni, l’uso di Cartamela, i cui diritti appartengono alla Ecoapple s.r.l., è stato introdotto sia nella Pubblica Amministrazione della Provincia autonoma di Bolzano che nella Diocesi altoatesina.

Tessuti al latte o alla soia

Alcune interessanti soluzioni green riguardano anche il settore tessile, con la creazione e la commercializzazione di fibre organiche ed ecologiche. Ad esempio, l’azienda biellese Reda ha recentemente lanciato sul mercato degli indumenti misti in lana e soia, con prezzi allineati a quelli degli altri prodotti, mentre la bresciana Milkofil produce tessuti biologici ricavati dalla caseina, proteina contenuta nel latte, per l’abbigliamento e per l’arredo del letto.

Bioplastiche

Che dire, infine, delle plastiche ecologiche e biodegradabili? Diversi istituti di ricerca internazionali e alcune aziende di buona volontà stanno conducendo delle ricerche e delle sperimentazioni piuttosto stimolanti, per dire finalmente addio alla plastica derivata dal petrolio e sostituirla con prodotti meno inquinanti. Tra i candidati al ruolo di materia prima alternativa per shopper, imballaggi e contenitori vari ci sono le barbabietole, gli scarti di lavorazione del pomodoro, l’olio di girasole e l’amido di mais.

vedi tutti
cerca
 

Viaggi

HOTEL CALA DELLA TORRE 4*
da 379 Euro
TOUR DELLE ISOLE EOLIE 4*
da 515 Euro
CORAIL NOIR 3*S
da 1.309 Euro
RESIDENCE ALASKA 2*
da 39 Euro
 

Convenzioni

Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
   
registrati su naturale club