Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Fitoterapia: parti utilizzate e ricerca delle piante
Benessere
Curiosita'
Fitoterapia: parti utilizzate e ricerca delle piante
Cosa utilizzare delle piante e quando e come raccogliere. Un piccolo vademecum per capire meglio in cosa consiste la fitoterapia
Sponsor del mese
 
Fitoterapia: parti utilizzate e ricerca delle piante
 
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

In fitoterapia cosa si utilizza della pianta?

Radici, Rizomi, Tuberi e Bulbi che si raccolgono durante il riposo vegetativo della pianta: nel tardo autunno.

Le cortecce si raccolgono in primavera, le foglie in primavera inoltrata, prima che la pianta fiorisca, le gemme si raccolgono all'inizio della primavera, prima che si schiudano.

Le erbe prima o durante la fioritura. I fiori prima che siano completamente sbocciati. I frutti alla maturazione, i semi prima della caduta spontanea. Quindi è possibile utilizzare praticamente ogni parte della pianta.

La ricerca delle erbe

Cercare erbe medicinali è un'attività appassionante ed un'occasione per passare piacevoli giornate in campagna o in montagna. La raccolta e la preparazione delle erbe spontanee pone la persona in diretto rapporto con la natura e la propria cura, rendendo l'effetto terapeutico indubbiamente migliore.

La raccolta tuttavia, presuppone la conoscenza esatta delle specie che si intendono raccogliere, dei loro tempi balsamici, delle parti impiegate in terapia e di alcune altre importanti nozioni pratiche. Riconoscere le piante medicinali nelle miriadi di erbe, arbusti e alberi che fanno parte della flora italiana non è semplice. Le piante hanno caratteristiche molto simili tra loro e non sempre la raccolta deve essere fatta quando la pianta è in fiore. È bene procurarsi un manuale di riconoscimento ed iniziare sempre dalle specie più comuni, come l'ortica, il tarassaco, la parietaria, la piantaggine, tutte erbe importanti dal punto di vista medicinale. Nel dubbio è meglio astenersi dalla raccolta, per evitare di incappare in qualche erba velenosa. Inizialmente meglio accompagnarsi ad una persona esperta. La raccolta va effettuata la mattina di una giornata soleggiata, due ore dopo il sorgere del sole, quando la rugiada è completamente evaporata. Eventualmente, se la giornata non si guasta, è possibile raccogliere anche nel tardo pomeriggio. Le piante ricche di oli essenziali devono essere raccolte durante un periodo secco, ma mai in pieno sole. Infatti, la pioggia le impoverisce di essenze.

Per conservare i principi attivi occorre che siano essiccate rapidamente, evitando accuratamente i processi di fermentazione, che ne altererebbero il contenuto. L'essiccazione deve avvenire su telai a strati sottili, all'ombra, al fine di proteggere principi attivi termolabili o particolarmente volatili ed in luogo ben ventilato. A livello industriale vengono utilizzati forni con circolazione forzata d'aria d'ambiente riscaldata. Infine, è opportuno conservare le erbe essiccate in vasi di vetro scuro ed utilizzarle entro l'anno.

vedi tutti
cerca
 

Viaggi

RESIDENCE SPORTING CLUB RESIDENCE 3*
da 79 Euro
HOTEL MARINETTA 4*
da 185 Euro
RELAIS CLUB RESIDENCE 3*
da 49 Euro
ESPERIA PALACE HOTEL 4*
da 565 Euro
 

Convenzioni

Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
Hotel La Residence & Idrokinesis® - Active Thermal Spa
Perfetta unione tra sport, fitness, relax e...
   
registrati su naturale club