Iper la grande i
Leggi il regolamento Non riesci a registrarti? Registrati a NaturaleClub
Facebook Twitter Youtube
 
Seguici su:
Login ricorda password
 
 
Il bello e il brutto dei cosmetici
Benessere
Curiosita'
Il bello e il brutto dei cosmetici
Verificando l’etichetta, si scoprono ingredienti chimici “sospetti” che è meglio evitare ricorrendo ai prodotti naturali e biologici
Sponsor del mese
 
Il bello e il brutto dei cosmetici
 
Cerca
COCA-COLA LIFE
 
Cliccasconti
 

I nostri partners

Ogni volta che ci apprestiamo a stendere sul viso un velo di crema, dovremmo chiederci se stiamo facendo il meglio per la nostra pelle e, più in generale, per il nostro corpo. Lo stesso vale quando facciamo una doccia o uno shampoo.

La curiosità, peraltro, è più che lecita, se si considera che i moderni prodotti cosmetici ricorrono a molte migliaia di sostanze di sintesi nella loro formulazione, dovendo rispondere a una serie di necessità non sempre evidenziate ma inderogabili per la distribuzione su larga scala: come la durata, la stabilità, il colore e il profumo gradevoli e così via.

Un cocktail di preparati chimici che, sommati tra loro e assunti con poca attenzione alle dosi (non sono farmaci, del resto), può in qualche caso presentarecontroindicazioni. I prodotti definiti “naturali” raramente fanno eccezione: nella gran parte dei casi affiancano alle sostanze sintetiche una piccola percentuale di estratti organici.

L'INCI

Il primo provvedimento da adottare è dunque quello di consultare l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) sulla confezione, in parole povere l’elenco degli ingredienti, obbligatorio per ogni cosmetico immesso sul mercato.

Nell’INCI, i componenti vengono espressi secondo una nomenclatura standard che dovrebbe fornire al consumatore elementi di valutazione (e confronto): innanzitutto sono elencati in ordine decrescente in base alla percentuale sul totale, quindi il primo ingrediente è quello dominante. Le sostanze che hanno subito un intervento chimico sono segnalate in inglese mentre gli ingredienti vegetali naturali sono indicati col nome botanico in latino. I coloranti sono sempre in fondo con la sigla C.I. (colour index) seguita dal numero che li contraddistingue.

Orientarsi tra nomi complicati e oscuri può apparire difficile ma, una volta svelato il significato delle sostanze più ricorrenti, anche i meno esperti ne scopriranno delle belle.
Per esempio, che ci sono componenti assai diffusi sospettati di tossicità (anche se mancano prove scientifiche inoppugnabili), oppure altri che potrebbero causare sensibilizzazione, reazioni allergiche o irritazioni. Non è il caso di allarmarsi, visto che si tratta di sostanze ammesse e utilizzate in concentrazioni minime che normalmente non causano problemi.

Tuttavia, soprattutto in casi particolari (per esempio quando i prodotti sono destinati ai più giovani o a soggetti predisposti), vale la pena di conoscere i rischi potenziali connessi all’impiego di un cosmetico verificandone gli ingredienti su alcuni siti che offrono database molto ampi: come quelli americani di The Environmental Working Group (www.ewg.org) e di Skin Deep (http://www.cosmeticsdatabase.com/) oppure l’italiano http://www.biodizionario.it/

Alcuni ingredienti controversi

Il primo rischio è di rimanere sorpresi dalla quantità di “sorvegliati speciali” che entrano in vasetti e flaconi nonostante la diffidenza del mondo scientifico nei loro confronti. Un esempio eccellente e assai diffuso in quasi tutti i prodotti è dato dai parabeni, che dal punto di vista chimico sono esteri dell’acido para-idrossi benzoico. Più semplicemente, sono usati comeconservanti grazie alla loro azione battericida e fungicida attiva anche a concentrazioni inferiori all’1 per cento. Nell’INCI si trovano come Methyl, Ethyl, Propyl, Butyl Paraben e fungono da inibitori della crescita microbica in modo da allungare la scadenza del prodotto.

Le riserve nei confronti dei parabeni sono nate in seguito a sperimentazioni che hanno confermato la loro capacità di penetrare nella pelle e accumularsi nei tessuti. Una caratteristi

vedi tutti
cerca
 

Viaggi

RESIDENCE BORGO VERDE
da 39 Euro
HOTEL ALPINE MUGON 4*
da 139 Euro
HOTEL CALA DELLA TORRE 4*
da 379 Euro
ESPERIA PALACE HOTEL 4*
da 565 Euro
 

Convenzioni

Hotel Terme Metropole Oriental Thermal Spa®
L'oriente nel cuore di Abano Terme Il primo nato del...
Agriturismo La Peta
Vecchia locanda del 1400, sapientemente ristrutturata, è situata in un'oasi di...
B&B Stazzona
L’appartamento è composto da una sala, una cucina, due camere e un bagno. La cucina resterà...
Vineria Tirano
La Vineria Tirano promuove uno stile di vita in cui il consumo sia elemento di socialità,...
   
registrati su naturale club